Torta di compleanno fragole e panna (ovvero: 28 cose che ho imparato)

Torta di compleanno panna e fragole

Le torte di compleanno, quelle tutte panna e bellezza, sono un regalo che facciamo a noi stessi. Sono un modo di offrirci una pausa da ciò che è utile, da ciò che è necessario, dalla pasta al pomodoro e dalle mele; sono un modo per onorare lo straordinario, quell’unico giorno all’anno in cui siamo protagonisti perché, guarda un po’, è il giorno in cui abbiamo deciso di incominciare a danzare su questa meravigliosa e incomprensibile terra. Le torte di compleanno sono un fuoco d’artificio, uno stupendo esagerare senz’altra ragione che quella più giusta di tutte: celebrare la vita, celebrare un piccolo miracolo, celebrare noi che quaggiù ci dibattiamo istante dopo istante e ci meritiamo tutta la panna del mondo, tutto lo zucchero, tutti gli strati, tutte le fragole.

Le torte di compleanno non sono dessert veloci, da preparare. Richiedono tempo, cura e un pizzico di dedizione, la stessa che richiedono il crescere, il cambiare, l’imparare da noi stessi, dagli altri e dai famosi errori. Ma, una volta all’anno, perché non festeggiare anche quella dedizione? Perché non prendersi un pomeriggio e mescolare, infornare, glassare? Perché non dirsi: me lo merito, dopotutto. Mi merito di celebrare tutto quello che ho scoperto, tutto quello che non scorderò più, le 28 cose che ho imparato prima di compiere 28 anni, come da tradizione.

  1. Vivere un sogno, checché se ne dica, non è mai semplice.
  2. Realizzare ciò che desideri implica coraggio, molto.
  3. Mangiare fuori è la risposta, qualunque sia la domanda (sì, questa l’ho già detta).
  4. Mai sottovalutare l’importanza di un paio di collant di riserva.
  5. Le canotte salvano la vita.
  6. L’ansia, quando arriva, va accettata e basta.
  7. Si diventa davvero adulti quando i tuoi amici dicono: “Aspettiamo un bimbo.”
  8. In vacanza portati sempre l’amuchina, anche se sei contrario per principio.
  9. Non sempre il punto è trovare una soluzione.
  10. La cosa più bella dei matrimoni è il ballo degli sposi.
  11. La cosa più bella dei matrimoni è ballare a piedi nudi.
  12. Uscire dalla propria comfort zone è bello.
  13. Ma non è male anche rientrarci, di tanto in tanto. (semicit.)
  14. Si arriva a un punto, prima o poi, in cui bisogna scegliere.
  15. Le foto di dieci anni prima riservano sempre qualche sorpresa.
  16. Le amicizie di gruppo sono rare e sarebbe bello durassero per sempre.
  17. Niente di meglio di una bruschetta, tornati a casa dal cinema.
  18. Prima di fare un figlio, fai la prova con un gatto.
  19. A volte ci vuole tempo, per capire.
  20. Da tenere sempre in frigo: acciughe, zenzero e una birretta.
  21. I pop-corn fatti in casa sono la svolta.
  22. Qualunque sia il problema, un abbraccio aiuta.
  23. Mai vergognarsi di ciò che amiamo.
  24. Un buffo balletto improvvisato asciuga ogni lacrima.
  25. Se puoi, balla come un pazzo.
  26. Se puoi, canta a squarciagola.
  27. Gran parte della bellezza dipende da chi ci ama e ci sostiene.
  28. E dalle torte, quelle alte, fatte in casa.

Torta di compleanno panna e fragole

Torta di compleanno panna e fragole

E ora veniamo alla torta. Il segreto, in questi casi, sta nel fare una cosa alla volta, con calma. Iniziate dalle torte, due. Accendete il forno, imburrate le tortiere. Prima di tutto preparate lo zucchero strofinandolo tra i polpastrelli con la scorza di limone grattugiata, fino a quando non avrà il profumo delle giornate di sole. Poi mescolate lo zucchero con il burro (vi servirà burro morbido, lasciato fuori frigo) e l’estratto di vaniglia: ci vorranno una decina di minuti, olio di gomito e un cucchiaio di legno o un mixer elettrico. Quando avrete davanti a voi una crema chiara e spumosa il gioco è fatto. Consiglio spassionato: usate una ciotola molto capiente, qui si parla di torte a quattro strati.

Torta di compleanno panna e fragole

Torta di compleanno panna e fragole

Ora potete aggiungere le uova, una alla volta, amalgamando bene e con cura. Non vi spaventate se la crema si rapprende un po’, continuate a mescolare e ad amalgamare: la farina risolverà ogni problema.

Torta di compleanno panna e fragole

Torta di compleanno panna e fragole

Ora mescolate insieme farina e lievito e poi aggiungeteli al composto, setacciandoli, un poco alla volta, alternando all’aggiunta dello yogurt: un po’ di farina, un po’ di yogurt, e via così, fino a quando non avrete un impasto omogeneo, liscio, denso. Altro che palestra.

Torta di compleanno panna e fragole

Ora dividete il composto nelle due teglie e infornate per circa 60-70 minuti, fino a quando le torte non saranno dorate e gonfie (il trucco dello stuzzicadenti funziona sempre).

Torta di compleanno panna e fragole

Sfornate, lasciate riposare una decina di minuti e togliete dalle teglie. A questo punto potete decidere di mettere le torte in frigo, riposarvi e dedicarvi al resto del dolce il giorno dopo. Oppure, proseguite.

Torta di compleanno panna e fragole

Lavorate il mascarpone fino a quando non sarà morbido, poi aggiungete la panna, lo zucchero a velo, la scorza di limone e l’essenza di vaniglia. Montate fino a quando il composto non sarà denso, ma senza portare a completa montatura, lasciando quel po’ di morbidezza che vi permetterà di spalmarla più facilmente. Lavate le fragole e tagliatele a tocchetti. Mettete da parte.

Torta di compleanno panna e fragole

Ora viene il difficile: bisogna tagliare a metà ogni torta, con precisione e delicatezza. Prima, però, livellate la superficie tagliando la parte che è gonfiata o rischierete che la torta crolli sotto il peso della panna che cola, e non è bello. Una volta che avete livellato il dolce, procedete con il taglio. Per farlo, tracciate prima una linea guida tutto intorno alla circonferenza, con un coltello seghettato. Poi, piano e gradualmente, incidete il dolce fino ad arrivare al centro e tornando nuovamente verso i lati, con attenzione e calma.

Torta di compleanno panna e fragole

Quando avrete diviso la torta in due siete pronti per l’assemblaggio, che è la parte più divertente: uno strato di torta, uno di fragole, uno di panna; uno strato di torta, uno di fragole, uno di panna e così via fino all’ultimo. Quando riempite gli strati fate attenzione a fare in modo che siano omogenei o, anche in questo caso, rischierete il crollo. Concludete con panna a coprire, fragole a decorare, una spolverata di zucchero a velo e qualche margherita per la bellezza.

Torta di compleanno panna e fragole

Conservate in frigorifero, servite il giorno stesso, accendete una candela (o 28), esprimete un desiderio (o 28) e celebrate lo straordinario.

Torta di compleanno fragole e panna (ovvero: 28 cose che ho imparato)
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Serves: 12-14
Ingredienti
  • 300 gr di burro morbido
  • 440 gr di zucchero bianco
  • La scorza grattugiata di due limoni
  • 2 cucchiaini di estratto di vaniglia
  • 6 uova
  • 600 gr di farina
  • 17 gr di lievito per dolci
  • 560 gr di yogurt bianco
  • 750 gr di fragole
  • 500 gr di mascarpone
  • 750 ml di panna da montare
  • 80 gr di zucchero a velo
  • La scorza grattuggiata di 1 limone
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • Zucchero a velo, fragole e fiori per decorare
Procedimento
  1. Riscaldate il forno a 160°C. Imburrate due teglie di circa 20 cm di diametro e foderatele con carta da forno. Preparate lo zucchero strofinandolo tra i polpastrelli con la scorza di limone grattugiata, fino a non avrà il profumo delle giornate di sole. Poi mescolate lo zucchero con il burro e l’estratto di vaniglia: ci vorranno una decina di minuti, fino a che non otterrete una crema chiara e spumosa.
  2. Ora potete aggiungere le uova, una alla volta, amalgamando bene e con cura.
  3. Mescolate insieme farina e lievito e poi aggiungeteli al composto, setacciandoli, un poco alla volta, alternando all’aggiunta dello yogurt: un po’ di farina, un po’ di yogurt, e via così, fino a quando non avrete un impasto omogeneo, liscio, denso.
  4. Dividete il composto nelle due teglie e infornate per circa 60-70 minuti, fino a quando le torte non saranno dorate e gonfie (il trucco dello stuzzicadenti funziona sempre).
  5. Sfornate, lasciate riposare una decina di minuti e togliete dalle teglie. Se preferite, a questo punto potete conservare le torte in frigo e continuare il giorno dopo con il resto della preparazione.
  6. Lavorate il mascarpone fino a quando non sarà morbido, aggiungete la panna, lo zucchero a velo, la scorza di limone e l’essenza di vaniglia. Montate fino a quando il composto non sarà denso, ma senza portare a completa montatura. Mettete da parte. Lavate le fragole e tagliatele a tocchetti. Mettete da parte.
  7. Livellate la superficie delle torte tagliando la parte che è gonfiata o rischierete che la torta crolli. Una volta che avete livellato il dolce, procedete con il taglio. Per farlo, tracciate prima una linea guida tutto intorno alla circonferenza, con un coltello seghettato. Poi, piano e gradualmente, incidete il dolce fino ad arrivare al centro e tornando nuovamente verso i lati, con attenzione e calma.
  8. Quando avrete diviso la torta in due siete pronti per l’assemblaggio: uno strato di torta, uno di fragole, uno di panna; uno strato di torta, uno di fragole, uno di panna e così via fino all’ultimo. Quando riempite gli strati fate attenzione a fare in modo che siano omogenei o, anche in questo caso, rischierete il crollo. Coprite l’ultimo strato con la panna e decorate con qualche fragola, una spolverata di zucchero a velo e magari un fiore margherita.
 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: