Torta cannella e bacon

Torta cannella e bacon

Settembre ha inforcato la bicicletta ed è sfrecciato via veloce, in una di quelle gare ciclistiche senza fermate, a rotta di collo giù per la collina e si salvi chi può. Non c’è stato molto tempo per rendersi conto delle temperature che scendevano impercettibilmente, delle prime foglie cadute. Ho indossato gonne quando era il caso di mettere il trench e calzini quando avrei potuto uscire in infradito.

C’è stata confusione, ma soprattutto c’è stata fretta, la stessa che ho ancora adesso attaccata ai polpastrelli, la stessa che per giorni non mi ha fatto prendere fiato, al punto che l’unico rimedio è stato accoccolarmi al Vichingo e aspettare che il respiro tornasse quello raccomandato dallo yoga: inspira, espira, e poi di nuovo, sentendo l’aria che riempie i polmoni come fosse liquido. Altro che liquido: io, in questo settembre, il respiro l’ho sentito farsi solido, quasi una roccia al centro del petto, mentre nella mia testa passavano numeri, conti alla rovescia e tutta la matematica che ci rende forse più ricchi, ma anche meno umani.

Torta cannella e bacon

Perché gli uomini non corrono soltanto. Gli uomini camminano, si guardano intorno, si prendono il tempo di avere tempo; di perderlo, quel tempo; magari si fermano, di tanto in tanto; accarezzano un gatto, raccolgono un fiore di campo, canticchiano. Ci sto lavorando, al di là di questo settembre partito con la rincorsa. Ci sto lavorando, a quel camminare, a quel perdere tempo, a quel fermarsi. Ho preso una decisione importante, quest’estate, che ha che fare con il vivere un po’ più nel presente, cercando di controllare un po’ meno il futuro e, soprattutto, il proprio tempo.

Torta cannella e bacon

Ci sto lavorando e il risultato è che corro ugualmente, che faccio elenchi; ma solo nella testa, e cancellarli così diventa più facile, più facile dimenticarsene davanti a un tramonto, davanti a una torta che cuoce, davanti a delle matite colorate e a del tempo senza scopo, che va avanti in pantofole, al massimo in ciabatte da mare; perché a lui non importa che sia settembre, lui non s’imbarazza se arriva tardi.

Il tempo senza scopo è un tempo matto, che ripara gli orologi interiori e scioglie i respiri, accarezzandoci e dicendoci che la migliore idea di tutte è una fetta di quel dolce, quello lì, con la glassa, la cannella e la pancetta, folle come solo il tempo senza scopo può essere. Perché è il tempo sbagliato in una società che non lo vuole, ma lui non demorde, lui continua a bussare alle nostre porte fino a quando non apriremo e gli diremo accomodati, metto su il tè.

Torta cannella e bacon

La torta che ho preparato per accogliere il tempo senza scopo è una torta morbida, che preannuncia l’autunno con il suo profumo di cannella, che lo addolcisce con lo sciroppo d’acero e la glassa; ma è anche una torta decisa, che osa affrontare gli altri e i loro pregiudizi, che osa prendersi il suo spazio, cospargersi di pancetta croccante e affermare di fronte a tutti che a volte vale la pena seguire il sentiero meno battuto. Quello di prendersi del tempo, magari. Quello di sorseggiare, assaggiare, assaporare. E poi inforcare la bicicletta e ricominciare, rifocillati.

Iniziate rendendo cremosi e leggeri burro e zucchero, come una nuvola chiara e dolce. Ci va olio di gomito, oppure un mixer di quelli elettrici che io non ho mai avuto. Poi aggiungete le uova, una alla volta, e l’estratto di vaniglia. La crema diventerà morbida, giallo oro come il sole mite di settembre.

Torta cannella e bacon

In un’altra ciotola mescolate farina, lievito, bicarbonato, sale e cannella: le polveri magiche. Poi setacciate nel composto di burro e uova e incorporate il tutto con delicatezza. Aggiungete il latte e voilà, l’impasto è pronto.

Torta cannella e bacon

Adesso arriva il momento dello sciroppo, che non deve spaventarvi affatto: è sufficiente sciogliere il burro e poi, fuori dal fuoco, aggiungerci zucchero di canna, cannella e un pizzico di sale: otterrete uno sciroppo luccicante e scuro come l’ebano. Non resta che versarlo sull’impasto e, con l’aiuto di una spatola, disegnare volute come se si trattasse di carta marmorizzata.

Torta cannella e bacon

Mentre il dolce cuoce, potete dedicarvi alla glassa. Anche qui, olio di gomito e pazienza: prima di tutto assicuratevi che sia il burro che il formaggio siano a temperatura ambiente, altrimenti saranno guai. Anche la cucina ha bisogno del suo tempo, e in questo caso il tempo serve a rendere malleabili: quindi, che il burro sia una pomata e che il formaggio sia morbido a sufficienza. Una volta che li avrete amalgamati potete aggiungere a poco a poco lo zucchero: anche se non sembra, alla fine verrà assorbito creando una glassa lucida, dalla sfumatura avorio. Aggiungete la vaniglia e un pizzico di sale. Assaggiate. E non lamentatevi per le coronarie.

Torta cannella e bacon

Ecco, è tutto pronto. Manca solo la pancetta, da far rosolare sul fuoco fino a farla diventare croccante, mentre il dolce raffredda. Ora, con calma, glassate il dolce partendo dal centro e spalmando la glassa con delicatezza, facendo attenzione a non grattare via briciole d’impasto dalla superficie della torta. Guarnite con la pancetta, irrorate di sciroppo d’acero. E prendetevi il vostro tempo, mi raccomando.

Torta cannella e baconù

Torta cannella e bacon
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Ingredienti
  • PER L’IMPASTO
  • 55 gr di burro
  • 150 gr di zucchero
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 160 gr di farina
  • 1 cucchiaino di lievito
  • ½ cucchiaino di bicarbonato
  • ½ cucchiaino di sale
  • ½ cucchiaino di cannella
  • 185 ml di latte
  • PER LO SCIROPPO
  • 55 gr di burro
  • 50 gr di zucchero di canna
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 pizzico di sale
  • PER LA GLASSA
  • 55 gr di burro, a temperatura ambiente
  • 115 gr di formaggio cremoso, a temperatura ambiente
  • 175 gr di zucchero a velo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 3 fette di bacon
  • ⅔ cucchiai di sciroppo d’acero
Procedimento
  1. Riscaldare il forno a 180°. Imburrate una teglia di 25 cm di diametro circa, rivestite il fondo con della carta da forno, da imburrare e infarinare leggermente.
  2. Mescolate insieme burro e zucchero, fino a quando non diventano cremosi e leggeri. Ci vorranno circa 5 minuti. Poi aggiungete le uova, una alla volta, e l’estratto di vaniglia.
  3. In un’altra ciotola mescolate farina, lievito, bicarbonato, sale e cannella. Setacciate nel composto di burro e uova e incorporate il tutto con delicatezza. Aggiungete il latte e mescolate bene con una spatola. Versate l’impasto nella teglia.
  4. Per preparare lo sciroppo sciogliete il burro e poi, fuori dal fuoco, aggiungete lo zucchero di canna, la cannella e un pizzico di sale: versatelo sull’impasto e, con l’aiuto di una spatola, disegnate linee di sciroppo.
  5. Infornate e cuocete per 25-30 minuti, o fino a quando uno stuzzicadenti non esce pulito dall’impasto.
  6. Mentre il dolce cuoce, potete dedicarvi alla glassa. Amalgamate bene burro e formaggio, poi aggiungete a poco a poco lo zucchero. Aggiungete la vaniglia e un pizzico di sale. Mescolate fino a quando la glassa non è lucida e densa, ma spalmabile.
  7. Sfornate il dolce e lasciatelo raffreddare nella teglia.
  8. Fate rosolare sul fuoco la pancetta fino a farla diventare croccante.
  9. Glassate il dolce partendo dal centro e spalmando la glassa con delicatezza, facendo attenzione a non grattare via briciole d’impasto dalla superficie della torta.
  10. Guarnite con la pancetta e lo sciroppo d’acero.
 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: