Dolcetti al miele e camomilla (ovvero: 26 cose che ho imparato)

Dolcetti miele e limone

Per questo compleanno avevo in mente una torta a tre strati. Tipo questa, ma con il sapore del miele e del limone, come una primavera tra i gelsomini. A volte, però, – anzi, piuttosto spesso – le cose non prendono l’esatta piega che il ferro da stiro vorrebbe, ma si stiracchiano e stropicciano. E così la glassa non si addensa, cola ovunque tranne che sulla torta, e l’ultimo strato collassa, rompendosi in quattro e assumendo l’aspetto di un immenso blob, tipo una colata lavica in Islanda. Capita. Non nascondo che lì in mezzo ci siano state urla e strepiti, ma alla fine non resta che prendere la torta, ridurla in pezzetti, metterla in una teglia di dimensioni cosmiche, ricoprirla di glassa, riempirla di candeline sbilenche e offrirla a amici e parenti comprensivi che si fidino nonostante l’aspetto precario. Certo, magari questa volta niente Instagram, perché si sa, i social vogliono solo il lato bello della medaglia.

Read more

Cupcakes al miele e limone

Cupcaks al miele e limone

Marzo è il mese degli inizi. Non quelli carichi di aspettative di gennaio, dopo le abbuffate e i desideri per un anno migliore. Non si tratta di diete, né di fare palestra tutte le settimane. Si tratta, piuttosto, di proseguire su un sentiero già in parte tracciato, con addosso la certezza che le giornate si stanno allungando, che sui cigli delle autostrade spuntano i non-ti-scordar-di-me, che i cespugli in città si riempiono di gemme rosa, che le primule nei campi bucano la terra scura e che è tempo di vangare il terreno per seminare erba verde come quella dei film americani. Si tratta degli inizi inestricabilmente legati al respiro della natura, al ciclo delle stagioni, al sapere che dopo ogni inverno ci sarà un’altra primavera, un altro sole, un altro momento per indossare le gonne leggere e le sciarpe di seta. Si tratta dell’anticipazione, del pregustare.

Read more

Panna cotta al miele d’acacia

Panna cotta

In inglese ci sono due termini per indicare casa: house e home. Il primo indica l’edificio: mura, tetto, mattoni e metri quadri, insomma. Il secondo è il luogo dell’anima, quello cui tornare quando tutto si fa difficile, il rifugio sicuro che ci protegge dal resto del mondo. Casa dolce casa, per intenderci.

Read more