Muffin all’avena e mele

Avena e mele

C’è un messaggio che ci viene affidato quando nasciamo e che dobbiamo consegnare a noi stessi in punto di morte. Ognuno ha il suo, di messaggio, ma il compito è lo stesso per tutti: far sì che il messaggio arrivi intatto, nonostante i pericoli e le sfide che si frappongono tra il nostro sé bambino e il nostro sé adulto. Non lo dico io, lo dice un ragazzo intervistato nel meraviglioso film documentario “Human”, di Yann Arthus Bertrand.

Eppure, anche se non lo dico io, è come se questo ragazzo fosse riuscito a dare una forma ai pensieri che da qualche giorno mi riempiono la mente. Sono pensieri che hanno a che fare con la fatica di difendere a tutti i costi chi in realtà siamo, chi in realtà sono, a dispetto di qualunque interferenza esterna. Sono pensieri che hanno a che fare con ciò che ci fa battere il cuore e ciò che invece ci fa morire.

Mi chiedo, a volte, quanto i limiti che abbiamo ci impongano delle scelte, o quanto siano le nostre scelte a imporci dei limiti. Mi chiedo, a volte, se non sarebbe meglio farsi poche domande e accettare le risposte che arrivano dagli altri, quelle che ti dicono cosa è meglio per te perché ha sempre funzionato così. E poi, in mezzo al traffico, mentre i clacson suonano e le cinquecento mi sorpassano, mi ritrovo a piangere con il cuore ridotto in fettine sottilissime, quelle per il carpaccio. Perché se c’è una scelta possibile, allora sono ancora follemente e irrazionalmente convinta che quella scelta debba rispettare il nostro cuore, il nostro io, il messaggio che ci è stato affidato quando eravamo bambini.

Ho la fortuna di avere le idee abbastanza chiare, rispetto al messaggio che ho tra le mani. E ho la sfortuna di credere ancora che i sogni si possano realizzare, che le alternative siano possibili. A caro prezzo, a volte, a costo di non essere compresi, di dover ripetere, ribadire, difendere ancora e ancora, e poi per tutta la vita, le proprie ragioni. Ma il proprio cuore non è in saldo, e il proprio tempo, quello che fugge, lui, bè, non lo si preleva da un conto in banca.  Cercate pure, se volete: ma sono abbastanza certa che Intesa San Paolo non ci darà mai indietro il nostro passato.

Lo so, non è da me tanto cinismo. Ma a volte la dolcezza sfuma, per lasciare il posto alla risolutezza, alla semplice, nuda bellezza di essere se stessi fino al midollo e andarne fieri. Perché questo siamo: noi e il nostro messaggio.

Per l’occasione, dunque, niente glassa, niente panna montata, niente zucchero a velo. Solo il dolce, essenziale sapore di mele e cannella, con fiocchi d’avena a ricordarci che dentro di noi abbiamo la forza necessaria, sempre, per salvarci.

Muffin avena e mele

Preparare i muffin assomiglia ai giochi che facevamo da bambini: qualche ciotola, pochi ingredienti, farina sulle guance. Incominciate lasciando gonfiare i fiocchi d’avena nel latte, su fuoco dolce.

Muffin avena e mele

A parte, sbattete l’uovo e lo zucchero fino a quando non diventano chiari e spumosi, poi aggiungete il burro fuso e l’estratto di vaniglia. Profumo di sogni e di notti d’infanzia.

In un’altra ciotola, mescolate la farina, il lievito, la cannella e il sale. Poi, lentamente, unite il composto di uova alla farina, mescolando con una spatola, e aggiungete la mela tagliata a cubetti.

Muffin avena e mele

Attenzione, l’unica difficoltà dei muffin è questa: non mescolate troppo a lungo. Piuttosto è meglio lasciare qualche grumo di farina, ma evitate di girare e rigirare l’impasto, o diventerà duro come i sogni messi da parte, come i messaggi scordati in un cassetto.

Muffin avena e mele

Riempite ora gli stampi per due terzi: la superficie deve avere lo spazio per gonfiarsi e per formare una cupoletta dorata. Livellate la superficie e infornate per 25 minuti circa.

Muffin avena e mele

I muffin all’avena e mele sono perfetti per il tè delle cinque, magari con un po’ di marmellata, e la bellezza di essersi guadagnati chi sappiamo di essere.

Muffin all'avena e mele
 
Tempo di preparazione
Tempo di cottura
Tempo totale
 
Autore:
Serves: 6 muffin
Ingredienti
  • 80 gr di avena
  • 175 ml di latte
  • 1 uovo
  • 50 gr di burro fuso
  • 1 cucchiaino di estratto d vaiglia
  • 110 gr di farina
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 pizzico di sale
  • 1 mela
Procedimento
  1. Accendete il forno a 180°C.
  2. Fate gonfiare i fiocchi d’avena nel latte, su fuoco dolce.
  3. Sbattete l’uovo e lo zucchero fino a quando non diventano chiari e spumosi, poi aggiungete il burro fuso e l’estratto di vaniglia. Aggiungete l’avena e il latte.
  4. In un’altra ciotola, mescolate la farina, il lievito, la cannella e il sale.
  5. Poi, lentamente, unite il composto di uova alla farina, mescolando con una spatola, e aggiungete la mela tagliata a cubetti. Non mescolate troppo a lungo, o i muffin s’induriranno.
  6. Riempite ora gli stampi per due terzi: la superficie deve avere lo spazio per gonfiarsi e per formare una cupoletta dorata. Livellate la superficie e infornate per 25 minuti circa.
  7. Sfornate, passate la lama di un coltello lungo le pareti degli stampini. Fate intiepidire 10 minuti prima di sformare. Fate raffreddare su una griglia.
 

Print Friendly

2 thoughts on “Muffin all’avena e mele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe: