Cheesecake senza cottura per giornate estive

Cheesecake senza cottura

Di solito, almeno per quanto mi riguarda, questo è il periodo dell’anno in cui si rallenta, in cui non ci sono più lezioni da tenere, corsi da preparare, tabelle di marcia da seguire. È il periodo che più mi ricorda quello – lunghissimo e esteso quasi all’infinito – delle vacanze di quando ero bambina, che iniziavano a giugno e finivano a settembre. Un lungo tempo sospeso in cui sgocciolarsi addosso i ghiaccioli alla menta, guardare vecchi film al pomeriggio nella penombra e uscire la sera in mezzo all’odore dei tigli, dei gelsomini, dell’estate sfavillante.

Read more

Tarte tatin alle fragole

Tarte tatin alle fragole

Oggi sono grata. Sono grata per la pioggia che fa brillare i prati di verde acceso, per il sole che arriva subito dopo e riscalda il basilico, per il primo giro in bicicletta. Sono grata per i pranzi di famiglia con le acciughe al verde e le uova ripiene come quelle che faceva nonna, sono grata perché state tutti bene e perché è bello vedervi insieme, sono grata per un promettente calciatore che gioca con lo zio e per la carne cotta sulla brace; sono grata per le prime fragole e i primi asparagi; sono grata per Ribes che mi si acciambella addosso mentre scrivo; sono grata per i progetti nuovi e per chi ha fiducia in me anche quando di fiducia io ne ho poca; sono grata per gli amici che sento ogni giorno e quelli che vedo una volta l’anno; sono grata per le peonie, per le margherite dei prati, per i tulipani e il profumo dei glicini.

Read more

Torta margherita alle mele e Earl Grey

Torta margherita alle mele e earl grey

Da piccola credevo che amarsi significasse stare seduti su una panchina, lei sdraiata con la testa appoggiata alle gambe di lui, e le foglie dell’autunno che cadono, o la brina sui cappotti, o i fiori di ciliegio, o i raggi caldi di sole. Era quella, per me, l’immagine di una felicità perfetta e luminosa.

Read more

Tarte tatin fatta in casa

Tarte tatin

Siamo persone che sorridono, che camminano per strada, indicano le luci di Natale ai balconi, magari comprano qualche caldarrosta o un bicchiere di vin brulè; siamo persone che si fermano a guardare le vetrine, che impacchettano regali in carta dorata e mettono a bollire il tè delle cinque; persone che vanno a lavoro e fanno il loro dovere e poi suonano agli amici e escono a bere una birra scherzando un poco. Eppure, proprio a Natale, dovremmo forse ricordarci che siamo più di tutto questo.

Read more

Pie al burro d’arachidi

Pie al burro d'arachidi

In questi giorni, penso spesso ai privilegi. No, non dico quelli dei politici, quelli delle élite e delle caste di cui si discute così tanto sui giornali. Sto pensando, in realtà, a una forma di privilegio più alla portata di tutti. Sto pensando a una forma di privilegio di cui non ci accorgiamo e che in questi ultimi tempi invece noto sempre più spesso. Sto pensando al privilegio della bellezza, della calma, di una relazione che ci faccia sentire a casa, di un’amicizia che ci accolga. Sto pensando a privilegi che tutti noi attraversiamo, giorno dopo giorno, senza rendercene quasi conto. Read more

Pie alle pesche e lamponi (e l’arrivo dell’estate)

Pie alle pesche e lamponi

Ho sempre amato le stagioni, il loro ciclico ripetersi, tornare e andarsene. Ho sempre pensato che a starmene tutta la vita in un’eterna estate mi mancherebbero la cioccolata calda e gli abbracci sotto il piumone, e che a furia d’inverno la malinconia per gonne e ghiaccioli diventerebbe struggimento. Il bello dei cicli è che scandiscono un ritmo, un passo di danza cui è bello arrendersi, un ballo che in qualche modo segue il ripetersi del nostro respiro, del nostro battito, del nostro corpo. Ho sempre amato i ritmi, quelli che ci connettono con le pause, con le riprese, con il naturale progredire delle cose.

Read more