Crema di frutti rossi

Crema di frutti rossi

Mi piace essere donna. Mi piacciono le gonne, mi piacciono i rossetti, mi piacciono le rose rosse e, come da cliché, mi piace tanto il cioccolato al latte. Se potessi rinascere, sceglierei di rinascere donna: di nuovo, nonostante tutto. E quel “nonostante tutto” non si riferisce certo al ciclo mestruale. Il problema è che, in un giorno di primavera, mi sono chiesta: ma se aspettassi un figlio, vorrei che fosse femmina? Le farei un favore, a farla nascere femmina? O per lei vorrei di più?

Read more

Tiramisù al tè nero e le cose che restano

Tiramisù al tè

Il cambiamento è bello, dicono tutti. Il cambiamento è vita, dicono i saggi. C’è un mio Maestro che del cambiamento ha fatto la sua filosofia: dice che a lui giocare a scacchi non piace, perché le mosse sono sempre uguali; diverso sarebbe se le mosse cambiassero a ogni partita. Il cambiamento ci fa evolvere, il cambiamento ci rende inventori, innovatori, visionari. Non è un caso, credo, che all’inizio di ogni nuovo anno si voglia dedicare un po’ del proprio tempo a fare bilanci e a immaginare propositi: per cambiare, per diventare persone nuove, persone migliori.

Read more

Panna cotta al miele d’acacia

Panna cotta

In inglese ci sono due termini per indicare casa: house e home. Il primo indica l’edificio: mura, tetto, mattoni e metri quadri, insomma. Il secondo è il luogo dell’anima, quello cui tornare quando tutto si fa difficile, il rifugio sicuro che ci protegge dal resto del mondo. Casa dolce casa, per intenderci.

Read more

Dolce al caramello e pesche

Dolce al caramello e pesche

Pensate se le farmacie vendessero dolci, invece di pastiglie, pillole e pomate. In vetrina ci sarebbero crostate, strudel, torte glassate e pie alle carote; sugli scaffali cupcakes, brownies alle noci e pile di cioccolata se ne starebbero in bella mostra, ognuno con il suo cartellino. “Torta alla zucca per guarire dal dolore degli amori non corrisposti: basta una fetta alla mattina; se accompagnata da latte caldo non esagerare con le porzioni”; “mousse alle fragole contro la solitudine, da ingerire rigorosamente a cucchiaiate”; “cioccolato al peperoncino piccante per chi è stato tradito – si torna a camminare a testa alta soltanto dopo l’assunzione costante del prodotto”; “ghiaccioli al limone per chi sente la mancanza di leggerezza nella propria vita”. Ci sarebbe una soluzione ad ogni male: marshmallows per la noia, ciambelle contro l’astinenza prolungata, riso e latte contro le incombenze della quotidianità domestica. E gli effetti collaterali si ridurrebbero a uno solo, salvo qualche reazione allergica ogni tanto: un mal di stomaco, un’indigestione al massimo, una notte in bagno e poi tutto a posto, niente più nausea, niente più solitudine o depressione.

Read more

Clafoutis alle ciliegie

Clafoutis

C’è una formula magica, in Harry Potter, che si chiama Petrificus Totalus. Se la pronunci la gente s’immobilizza e crolla a terra, come se tutto d’un tratto fosse diventata pietra inamovibile. Di solito ne è vittima Neville Paciock, ma spesso si rivela una risorsa utilissima anche per sconfiggere Mangiamorte e gente che i Babbani definirebbero poco raccomandabile.

Read more